Home Cronaca Genova petrolio nel torrente Polcevera. La corsa contro il tempo per evitare...

Genova petrolio nel torrente Polcevera. La corsa contro il tempo per evitare il disastro

0
SHARE

È una lotta contro il tempo per arrivare prima della pioggia. L’obiettivo è evitare che la marea nera arrivi fino alla costa contaminando altri animali. Un allarme che interessa direttamente tutti i cittadini genovesi. Per questo molti di loro sono scesi in strada a protestare con indosso delle mascherine per proteggersi dalle esalazioni di petrolio.

Dopo il versamento di petrolio nel torrente Polcevera, dovuto alla rottura del tubo della raffineria Iplom, secondo il tavolo tecnico convocato in Prefettura entro venerdì sarà rimosso del 90% del materiale uscito, ossia circa 446 tonnellate di greggio.

Genova petrolio: occorre accelerare i tempi a causa delle previsioni meteo

E secondo Roberto Oreficini, responsabile delle emergenze ambientali della Protezione Civile, le previsioni meteo impongono di accorciare i tempi. Lo sversamento infatti è grave per essere avvenuto in due torrenti, Polcevera e rio Figino, che finiscono nel mare.

Oreficini ha inoltre specificato che è la Iplom a doversi occupare dei lavori e che l’azienda non ha aggiornato il Piano di emergenza esterna nei tempi previsti. Il Pree è un dispositivo che mira a “mitigare le conseguenze sulla salute umana e sull’ambiente” nel caso si verifichi un incidente sull’impianto che abbia conseguenze anche all’esterno. Ma il disastro di domenica non riguarda il deposito dell’azienda.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Commenti

commenti