Home Cronaca Genova baby squillo per pagare l’eroina alla madre

Genova baby squillo per pagare l’eroina alla madre

0
SHARE

Una vicenda terribile che arriva all’epilogo. Una storia iniziata almeno tre anni fa che si è conclusa il pomeriggio dell’11 gennaio, quando i carabinieri del nucleo investigativo hanno fatto irruzione in un’abitazione in corso De Stefanis. Casa in cui si nascondeva, aiutata da un amico, una donna ricercata dai militari dall’inizio di dicembre 2015.

Mese in cui la Procura generale ha spiccato un ordine di cattura nei suoi confronti in seguito, a una sentenza di condanna diventata definitiva. Simonetta (nome di fantasia) è una donna genovese di 47 anni con un grave problema di tossicodipendenza ed è stata riconosciuta colpevole di aver fatto prostituire le figlie minorenni per comprarsi delle dosi di eroina.

Genova baby squillo: due ragazzine 13 e 14 anni obbligate dalla madre a prostituirsis

Secondo quanto accertato dai giudici, le due ragazzine, che all’epoca dei fatti avevano 13 e 14 anni, venivano obbligate a fare sesso a pagamento con vicini di casa, stranieri e spacciatori. Uomini che la madre adescava per strada. Con i soldi ottenuti la donna acquistava la droga.

Nella sentenza si legge che la madre si faceva consegnare il denaro dai clienti dopo che questi avevano consumato rapporti sessuali con le figlie. La vicenda risale agli anni scorsi ma nessuna notizia è mai uscita dal palazzo di giustizia fino a poche ore fa, quando la mamma è stata arrestata e accompagnata in carcere. Deve scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione.

Fonte: ilsecoloxix.it

Commenti

commenti